La Calabria è “bianca”, estate significa fiducia

estate covid calabria zona bianca

Con la drastica diminuzione dei casi positivi da Covid 19 la nostra regione è entrata nella fascia di minori limitazioni e punta alla definitiva ripartenza

Colpi di coda del Covid 19 in Calabria. La nostra regione è zona bianca come ormai la quasi totalità del Paese e, seppure c’è da fare i conti con un virus che circola ancora, la fase acuta dell’emergenza è per il momento di nuovo alle spalle, con una media di nuovi contagi giornalieri che si è attestata sotto quota 100.

Secondo l'ultimo report della Regione, aggiornato al 23 giugno, in Calabria gli attualmente positivi si sono in pratica dimezzati rispetto a un mese fa, e ora sono di poco superiori ai 6mila, con un tasso di positività di poco superiore al 2% (in un caso era sceso fino allo 0,69%) e con un saldo sbilanciato in favore dei guariti: a determinare questo dato, la campagna vaccinale, che in Calabria come nel resto del Paese sta dando i suoi frutti, e un atteggiamento complessivamente responsabile dei cittadini. Anche il numero dei decessi, che pure ha superato quota 1.220, negli ultimi giorni presenta cifre meno drammatiche: in un paio di rilevazioni, tra l'altro, non si era registrata alcuna vittima. E poi sono ormai fuori dal tunnel anche gli ospedali: sempre al 23 giugno, i ricoveri sono 90 (erano oltre 500 a fine aprile), di cui 7 in terapia intensiva, con le soglie di criticità fissate dal ministero della Salute ormai lontanissime (la Calabria, secondo l'Agenas, la Calabria è al 5% di occupazione delle terapie intensive rispetto al limite del 30%, e al 9% di occupazione nei reparti di area medica a fronte del limite del 40%).

Post Opinionisti