Presunti illeciti nel porto di Catanzaro, chiesto processo per 7 persone

Un’inchiesta sull’installazione dei pontili e di presunti favoritismi. Fissata l’udienza preliminare per decidere sulla richiesta di rinvio a giudizio

CATANZARO – La Procura della Repubblica di Catanzaro ha chiesto il rinvio a giudizio di sette persone coinvolte nell’inchiesta sui presunti illeciti commessi nell’installazione dei pontili nel porto di Catanzaro.

Le persone per le quali è stato chiesto il processo sono Giuseppe De Angelis, di 55 anni, e Maurizio Benvenuto (62), collaudatori nominati dal Comune; Matteo Andreacchio (43), direttore dei lavori; Raoul Mellea (43), legale rappresentante ed amministratore unico della Navylos srl; Pierpaolo Pullano (55), direttore dei lavori; Adelchi Andrea Ottaviano (59), responsabile del settore Patrimonio, Provveditorato e Demanio del Comune di Catanzaro, e Vincenzo Carioti (64), funzionario dello stesso settore. Èstata stralciata la posizione dell’istruttore amministrativo Marzia Milano, di 46 anni. 

I reati ipotizzati a carico delle persone coinvolte nell’inchiesta sono falsità ideologica commessa dal pubblico ufficiale, falsità ideologica commessa da privato in atto pubblico, abuso d’ufficio, turbata libertà degli incanti e violazioni del Codice della navigazione. Secondo l’accusa, la società Navylos non possedeva i requisiti per aggiudicarsi la gara per l’affidamento di due lotti di area demaniale marittima, per un’estensione di quattromila metri cubi, ma avrebbe ottenuto ugualmente l’appalto grazie a presunti favoritismi. Il gip ha fissato l’udienza preliminare per decidere sulla richiesta di rinvio a giudizio per il prossimo 16 novembre

...continua la lettura sulla fonte ufficiale